Microplastica, l’elefante nella stanza

La microplastica è l’elefante nella stanza dell’inquinamento. E’ nel sale, nell’acqua e nelle catene alimentari: dunque nel nostro corpo. Non sappiamo quanto male ci fa, anche se è verosimile che non ci faccia per niente bene. Nessuno la ingerirebbe volontariamente: ma la ingeriamo lo stesso.

In tutto il mondo, ogni anno finiscono in mare 1,5 milioni di tonnellate di microplastica: il contributo individuale medio è pari a 212 grammi all’anno, un peso equivalente a 52 buste vuote per la spesa. Una alla settimana.

Una delle maggiori fonti della dispersione delle microplastiche (anche se certo non l’unica) è il bucato: lo sfregamento dei tessuti sintetici che si produce quando li mettiamo in lavatrice. La seconda è lo sfregamento dei pneumatici sull’asfalto. E’ difficile rendersi conto di questi – diciamo – effetti collaterali indesiderati del bucato e degli spostamenti in auto e sul bus: eppure…

Altre volte la microplastica finisce nel lavandino – e poi nei corsi d’acqua e in mare – in seguito all’uso di prodotti che la contengono, come cosmetici, dentifrici e simili. Secondo un rapporto dell’UNEP aggiornato al luglio 2018, solo otto Paesi hanno limitato (ma non esattamente vietato) l’aggiunta intenzionale di microperle di plastica (ma non esattamente l’aggiunta di microplastica) nei prodotti. In sette di questi otto Paesi, i limiti riguardano solo i prodotti per la cura della persona; solo in Nuova Zelanda i limiti riguardano anche i prodotti per le pulizie e per la casa.

In Italia non è neanche disponibile un elenco dei prodotti che contengono microplastica. Sarebbero da vietare tutti, senza “se” e senza “ma”, insieme ai tessuti che rilasciano microfibre di plastica durante il bucato.

In attesa – in trepida attesa – che un divieto di questo genere si produca, chiediamo almeno un’etichetta sui prodotti che contengono o che liberano microplastica. E’ importante per noi e per la Terra almeno quanto le etichette che informano su contenuto di zuccheri, grassi e valore nutrizionale.

 

Foto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *