Arriva il caldo, Milano e Torino vanno all’inferno

ondata di caldo torino milano

Domani, giovedì 27 giugno, una parte dell’Italia va all’inferno. E’ cominciata un’ondata di caldo con epicentro in Francia che va inserita nella nuova a-normalità climatica e che, secondo le previsioni, al Nord Ovest sarà senza precedenti: le temperature massime scaleranno per la prima volta i 40 gradi; in alcuni luoghi, temperature minime (minime!) non scenderanno sotto i 30 gradi.

I 40 gradi possono anche non essere così eccezionali in alcune parti di Italia: ma al Nord Ovest è un altro paio di maniche. Secondo le serie storiche ufficiali, Torino e Milano finora hanno avuto il loro giorno più caldo durante la terribile estate 2003, quando le temperature raggiunsero, rispettivamente, i 37,1  e i 39,3 gradi. Però era agosto, allora: non giugno.

Per avere un’idea dell’entità del fenomeno, bisogna considerare le temperature medie della fine di giugno nelle due città: 28 gradi a Milano27 a Torino. Sono 12-13 gradi in meno di quelli attesi per i prossimi giorni. Un’anomalia uguale e contraria – cioè spostata verso il freddo – comporterebbe temperature massime attorno ai 15 gradi.

Nel 2003, il caldo non diede requie per mesi. Cosa succederà quest’anno, non si può sapere: fare previsioni meteo anche solo a 7 giorni è come giocare a testa o croce. Tuttavia è bene tener presente quello che il 2003 ha insegnato: di caldo, si muore. Letteralmente.

Circolarono allora varie cifre: , tipo oltre 7.000-11.000 morti in più rispetto a quelle statisticamente attese e a Torino i decessi furono più che raddoppiati fra gli over 75. Così oggi l’ARPA Piemonte ha messo le mani avanti: avverte che si verificherà un alto eccesso di “eventi sanitari”.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *