Diminuzione degli insetti. Gli ultimi dati: il 76% in meno in pochi decenni

Il 76% in meno in pochi decenni.  I dati più recenti sulla diminuzione degli insetti in Europa vengono dal gruppo amatoriale di entomologi di Krefeld, in Germania, vicino al confine con l’Olanda. Li ha pubblicati AFP ad inizio settimana.

Dal 1982 il gruppo organizza campagne annuali standardizzate per catturare gli insetti con 63 trappole, identiche anno dopo anno e piazzate ogni volta negli identici luoghi. Gli animaletti che finiscono nelle trappole vengono pesati e conservasti in bottiglie di etanolo a futura memoria.

La bottiglia della campagna di catture del 1994, ad esempio, contiene un chilo e 400 grammi di insetti. La bottiglia più recente contiene solo 300 grammi,  dicono gli entomologi, che nel corso degli anni hanno riscontrato una diminuzione della biomassa degli insetti pari al 76%.

Le pratiche  degli entomologi di Krefeld, magari un po’ macabre ma indubbiamente metodiche, sono una delle basi su cui si sono sviluppate le recenti ricerche sulla diminuzione degli insetti. Se ne è parlato molto in febbraio, quando la rivista scientifica Biological Conservation ha pubblicato la sintesi di 73 rapporti concludendo che la biomassa degli insetti diminuisce in tutto il pianeta del 2,5% all’anno.

Di solito si fa poco caso agli insetti: eppure hanno un ruolo fondamentale nella catena di interdipendenze che unisce tutti gli esseri viventi, uomo compreso. Se non ci sono insetti, ad esempio, le rane e le rondini non trovano cibo.

Il paesaggio intorno a Krefeld è come tanti in Europa: strade, aree protette, impianti industriali, campi che ricevono la loro dose di pesticidi per eliminare ogni indesiderata forma di vita.

Recentemente, pesticidi e diserbanti della Pianura Padana sono stati trovati nei ghiacciai delle Alpi: non si sa come ci siano finiti, ma nelle acque di fusione la concentrazione supera anche di cento volte il valore soglia.

I pesticidi sono veleni e uno dei loro bersagli tipici è costituito dagli insetti. Che, infatti, stanno sparendo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *