Non è un’impressione. In Italia e in Europa aumentano le grandinate

aumenta la frequenza delle grandinate

Pare proprio che non sia solo un’impressione. In Italia (soprattutto in quella nord orientale) e in buona parte dell’Europa aumentano le grandinate con chicchi di grosse dimensioni. Sono quelle quelle che più danneggiano colture, veicoli, tetti.

Le grandinate che hanno colpito ieri Bolzano e Treviso – le ennesime violente grandinate delle ultime settimane – ripropongono la sempiterna domanda: fenomeni del genere si sono sempre verificati con analoga frequenza e abbiamo l’impressione che siano più numerosi solo perché se ne parla di più? O invece qualcosa è cambiato davvero negli ultimi anni?

La grandine tipicamente colpisce “a macchia di leopardo”. Se in un luogo cadono chicchi grossi come noci, è possibilissimo che due chilometri più in là non capiti niente o quasi. Per questo è difficile, se non impossibile, trovare serie storiche dettagliate delle grandinate e fare su questa base il confronto con il passato.

In mancanza di serie storiche, si può fare affidamento su un saggio pubblicato l’anno scorso sul Journal of Applied Climatology and Meteorology: ci sono anche il comunicato stampa e l’intervista con una degli autori.

I ricercatori hanno sviluppato un modello statistico per stimare le probabilità che si verifichino fenomeni meteorologici violenti tipo forti temporali e grandinate. Si sono serviti di parametri quali l’instabilità atmosferica, l’umidità, le improvvise variazioni di intensità e direzione del vento. Hanno usato i risultati insieme ad un modello numerico che simula le condizioni meteo sull’Europa a partire dal 1979 e hanno prodotto, fra l’altro, una mappa che mostra i luoghi in cui, a partire da quella data, si sono verificate una diminuzione o un aumento delle grandinate con chicchi di dimensioni maggiori o uguali a due centimetri. Eccola.

aumenta la frequenza delle grandinate - mappa

I puntini neri evidenziano i luoghi in cui è stato identificato un trend significativo.

La mappa mostra che le grandinate con chicchi di almeno due centimetri sono diventate più frequenti in quasi tutta l’Europa e che l’incremento maggiore si è verificato su gran parte della penisola balcanica e sull’arco alpino centro orientale.

I ricercatori hanno anche identificato il principale motivo per il quale aumentano le grandinate. E’ l’aumento dell’umidità vicino alla superficie terrestre: un fatto che, a sua volta, è collegabile all’aumento delle temperature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *