Un tricheco ha affondato una barca della Marina Militare Russa

tricheco ha affondato una barca

Un tricheco ha affondato una barca della Marina Militare Russa nell’Artico. Era una femmina fermamente decisa a proteggere il suo cucciolo. Forse era allarmata anche a causa di un drone che stava scattando foto dall’alto. In ogni caso, quando si è trattato di stabilire chi fossero gli intrusi nella Terra di Francesco Giuseppe (un arcipelago disabitato ad un migliaio di chilometri dal Polo Nord), l’animale ha saputo mettere i puntini sulle “i”.

Le isole della Terra di Francesco Giuseppe appartengono alla Russia, e in russo sono le fonti principali della vicenda: i comunicati stampa datati 18 settembre della Società Geografica Russa, i cui ricercatori erano a bordo della barca affondata dal tricheco, e della Marina Militare russa, alla quale la barca apparteneva. La prima testata giornalistica a pubblicare la notizia in inglese è stata il Barents Observer che ne ha scritto ieri, lunedì 23 settembre.

Un tricheco pesa una tonnellata ed è dotato di due lunghe zanne. Ovvio che nessuno vorrebbe trovarselo davanti quando è di cattivo umore.

I ricercatori della Società Geografica Russa, insieme alla Flotta Settentrionale della Marina Militare Russa, stavano ripercorrendo il viaggio dell’esploratore austriaco Julius von Payer, che a fine Ottocento scoprì la Terra di Francesco Giuseppe. Erano a bordo del rimorchiatore Altai. Per sbarcare a Capo Heller si è reso indispensabile il trasbordo su una scialuppa.

Forse, come nota il Barents Observer, i trichechi presenti nelle vicinanze della barca dei ricercatori si sono allarmati a causa di un drone. Le immagini allegate al comunicato stampa della Marina sono infatti riprese dall’alto. Una di esse ritrae proprio un gruppo di trichechi. E’ qui sotto.

trichechi affondano una barca della marina militare russa

La Marina si limita a dire che un gruppo di ricercatori è dovuto fuggire davanti ad una femmina di tricheco determinata a proteggere il suo cucciolo. Aggiunge solo che nessuno si è fatto del male (neanche il tricheco) grazie alla prontezza e alla professionalità dei marinai. Il particolare più degno di nota – cioè il fatto che il tricheco ha affondato la barca – viene dalla Società Geografica Russa.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *