Chernobyl e i test nucleari. Le mappe aggiornate dei suoli radioattivi

mappe aggiornate dei suoli radioattivi chernobyl test nucleari

L’eredità di Chernobyl e dei test nucleari culminati negli Anni 60 è riassunta nelle tre mappe aggiornate dei suoli radioattivi pubblicate oggi su Scientific Reports. Le mappe comprendono Italia settentrionale, Svizzera, Francia, Germania e Belgio. Dettagliano le concentrazioni di Cesio 137 presenti al suolo in seguito all’incidente nella centrale nucleare di Chernobyl (1986) e si occupano anche delle concentrazioni di Plutonio 239 e 240 e di Cesio 137 dovute ai test nucleari del dopoguerra.

Le mappe aggiornate dei suoli radioattivi sono opera di un consorzio internazionale guidato guidato dall’Università di Basilea e dall’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL) della Svizzera. Gli scienziati le hanno costruite grazie a 160 campioni di suolo prelevati nel 2009 da praterie rimaste stabili dagli Anni 60.

Il Plutonio è frutto esclusivo di test nucleari condotti per scopi militari nel dopoguerra e culminati negli Anni 60; il Cesio proviene sia da Chernobyl  sia dai test militari. Il diverso rapporto quantitativo fra Cesio e Plutonio ha consentito agli studiosi di distinguere il Cesio di Chernobyl da quella dei test militari.

Gli scienziati hanno trascurato (lasciato in bianco) le aree situate al di sopra dei 1000 metri di altitudine e hanno calcolato la concentrazione degli elementi radioattivi (in becquerel al metro quadrato) entro i primi 20 centimetri di profondità.

Cesio 137, Plutonio 239 e 240. Le mappe aggiornate dei suoli radioattivi

Qui sotto la mappa del Plutonio 239 e 240 ancora presente al suolo nel 2009 in seguito ai test nucleari effettuati per scopi militari.

mappe aggiornate dei suoli radioattivi - il plutonio dei test militari

Quella che segue è la mappa del Cesio 137: tutto il Cesio, sia quello di Chernobyl sia quello dei test militari.

mappe aggiornate dei suoli radioattivi - il cesio di chernobyl e dei test militari

Infine, qui sotto, la mappa dell’eredità di Chernobyl. Evidenzia esclusivamente il Cesio 137 presente al suolo in seguito all’incidente nucleare del 1986.

mappe aggiornate del suolo radioattivo - cesio 137 di chernobyl

Lo studio dice che Plutonio e Cesio dei test militari sono circolati nell’atmosfera e le piogge li hanno deposti al suolo in modo abbastanza omogeneo, anche se in quantità maggiori nelle zone più piovose. Per contro, il Cesio 137 di Chernobyl è rimasto nella parte bassa dell’atmosfera e la pioggia caduta fra gli ultimi giorni di aprile e i primi giorni di maggio 1986 lo ha depositato rapidamente al suolo Per questo la sua distribuzione è molto più eterogenea.

Mappe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *