Marea nera alle Mauritius, volontari all’opera a mani nude. Foto e video

disastro ambientale alle mauritius, spiaggia vista dall'alto

AGGIORNAMENTO – 11 agosto, la nave carica di carburante rischia di spezzarsi

La marea nera alle Mauritius non accenna ad arrestarsi. La chiazza di carburante che fuoriesce dalla nave da carico MV Wakashio lorda sempre più le acque e le spiagge attorno alle isole, considerate un paradiso turistico ed ambientale. La foto in alto è tratta da un video recentissimo.

L’Express Maurice, il quotidiano on line locale, riporta che le condizioni della MV Wakashio stanno peggiorando e che nuove crepe si sono aperte nella chiglia.

marea nera alle mauritius nuove fessure nella chiglia della MV Wakashio

Sono in corso le operazioni per recuperare il carburante trasportato dalla nave. Finora ne sono state portate via circa 500 tonnellate, mentre almeno 100 tonnellate sono finite in mare. A bordo restano circa 2.500 tonnellate.

Il video più recente delle spiagge delle Mauritius lordate dalla marea nera è disponibile sul web e su twitter. Clic sullo screenshot per vedere le immagini in una nuova pagina.

marea nera alle mauritius video delle spiagge

Altre immagini dalle Mauritius mostrano la gente del posto che lotta – si può dire – a mani nude per tenere la marea nera lontana dalle spiagge. I volontari raccolgono la paglia della canna da zucchero e la usano per fabbricare barriere galleggianti. Ecco le foto diffuse da L’Express Maurice

marea nera alle mauritius, i volontari locali costruiscono barriere assorbenti di paglia

Anche i capelli sono adatti ad assorbire il petrolio: le donne li tagliano e li offrono. E’ un’immagine toccante.

marea nera alle mauritius, le donne si tagliano i capelli per fare barriere galleggianti che assorbono petrolio

Per tenere a galla le barriere galleggianti si utilizzano bottiglie di plastica vuote. Sebbene “artigianali”, le barriere che i volontari fabbricano per difendere le spiagge delle Mauritius dalla marea nera sembrano essere efficaci. Clic sullo screenshot per vedere, in un’altra pagina, il video diffuso via Twitter da un giornalista di Radio France Internationale.

marea nera alle mauritius, le barriere assorbenti preparate dai volontari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *