Disastro ambientale alle Mauritius, la nave della marea nera si è spezzata

Disastro ambientale alle Mauritius, si è spezzata in due la nave della marea nera

Ieri pomeriggio si è spezzata in due la MV Wakashio, la nave carica di carburante navale che ha provocato il disastro ambientale alle Mauritius (foto in alto). Incagliatasi sulla barriera corallina, nei giorni scorsi ha disperso in mare oltre mille tonnellate di carburante. Volontari e squadre di soccorso sono riusciti a recuperarne meno della metà in mare e a riva. La marea nera ha lordato spiagge, acque cristalline e mangrovie di un paradiso naturale e turistico.

Quando la nave si è spezzata, tuttavia, ciò che di peggio doveva accadere era ormai accaduto. Martedì scorso – l’integrità della nave incagliata era già appesa a un filo – le squadre di soccorso sono riuscite a recuperare quasi per intero il carico di carburante ancora a bordo MV Wakashio.

Non è stato possibile tuttavia recuperare il carburante dei motori della nave. Quando la chiglia si è spezzata, si è riversato anch’esso in mare. Un danno aggiuntivo, ma di gravità relativa rispetto alle oltre mille tonnellate ormai disperse nell’ambiente.

La pagina Facebook legata al ministero dell’Ambiente della repubblica di Mauritius ha pubblicato la foto del relitto scattata all’alba (qui sotto) sottolineando con orgoglio che non è visibile nessuna traccia di petrolio. Questo tuttavia non modifica di una virgola la gravità del disastro ambientale alle Mauritius.

Disastro ambientale alle Mauritius, la nave della marea nera si è spezzata in due

La gravità del disastro ambientale alle Mauritius discende da alcuni fattori spesso sottovalutati. Il carburante navale trasportato dalla MV Wakashio che ha causato la marea nera è ancor più tossico del petrolio. Si è riversato su siti protetti di grande importanza naturalistica, come la Laguna Blu e Pointe D’Esny. Ha colpito mangrovie e spiagge sabbiose, sulle quali le operazioni di pulizia – sempre che riescano fino in fondo – sono particolarmente complicate.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *