Si rivede il delfino comune nell’Adriatico (e non è per niente comune)

Si rivede il delfino comune nell'Adriatico (che è molto raro)

Ricompare il delfino comune nell’Adriatico e nel Golfo di Trieste. A dispetto del nome, nei mari che bagnano l’Italia non è affatto comune: lo era nei primi decenni del Novecento. La lista rossa italiana IUCN degli animali minacciati di estinzione classifica il delfino comune (Delphinus delphis; foto) “in pericolo”: due sole  piccole popolazioni a Ischia e Lampedusa. Complessivamente circa 250 individui. “In pericolo”, secondo l’IUCN, è anche la popolazione di delfini comuni nell’intero Mediterraneo. Nell’Adriatico, il delfino comune è considerato estinto.

Gli avvistamenti di delfini comuni nell’Alto Adriatico rappresentano dunque una notizia. Ne parla Morigenos, la società slovena dei mammiferi marini, in uno studio su Aquatic Conservation e nel comunicato stampa che lo accompagna.

Dal 1940 circa nell’Alto Adriatico si è vista regolarmente solo un altro delfino, il tursiope. I delfini comuni sono spariti perché considerati dannosi alla pesca. Fino alla metà del Novecento, Italia e Jugoslavia assegnavano premi in denaro a chi li uccideva.

Poi nel 2009 è arrivata a Morigenos la foto di un delfino comune scattata  davanti a Izola (Slovenia, a pochi chilometri dal confine italiano). Un anno dopo una femmina e un cucciolo si sono fermati per mesi nelle acque di Monfalcone: poi il cucciolo è sparito; probabilmente era sua la carcassa trovata in seguito ad Izola. Nel 2012 un quarto delfino comune è comparso a Piran (Slovenia, sempre a pochi chilometri dall’Italia), a Monfalcone e nella riserva marina di Miramare, nei pressi di Trieste.

Lo studio ripercorre anche i precedenti, rari avvistamenti di delfini comuni nell’Adriatico e i casi, altrettanto rari, segnalati nei database degli esemplari trovati morti sulle spiagge. Sottolinea che questo non basta a provare un vero e proprio ritorno del delfino comune nell’Adriatico. Auspica la segnalazione di tutti gli eventuali avvistamenti per tracciare un quadro più chiaro della situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *