Bielorussia, sta per entrare in funzione la centrale nucleare di Ostrovets

La centrale nucleare di Ostrovets in Bielorussiasta per entrare in funzione

Dimenticando Chernobyl, la Bielorussia si accinge a far entrare in funzione la centrale nucleare di Ostrovets (foto), o Astravets come anche viene chiamata. Russia a parte, in Europa una cosa del genere non accadeva da quasi un quarto di secolo. La più recente inaugurazione risale al 2007, quando diventò operativa l’unità numero 2 della centrale nucleare di  Cernavoda, in Romania.

La centrale nucleare di Ostrovets è la prima della Bielorussia. La realizzazione è affidata a Rosatom, l’azienda pubblica russa che si occupa di nucleare. All’inizio di questo mese di agosto, Rosatom ha inserito le 163 barre di combustibile nell’unità numero 1. Ora sono in corso i test. La produzione di energia elettrica è attesa per il primo trimestre del 2021, mentre Rosatom prevede di ultimare l’unità numero 2 alla metà del 2022.

L’impianto è molto vicino al confine con la Lituania e ad una cinquantina di chilometri dalla capitale della Lituania, Vilnius, sulla quale in caso di incidente ricadrebbero molte delle conseguenze.

Secondo la Lituiania, Ostrovets non è sicuro: e  quando si tratta di energia nucleare, “sicurezza” è una parola grossa. La costruzione di Ostrovets, iniziata nel 2011, ha fatto registrare due incidenti degni di Paperoga. Durante il trasporto e la posa in opera, il contenitore del reattore 1 – il “pentolone” nel quale avvengono le reazioni nucleari – è andato a sbattere contro un pilone di cemento e contenitore del reattore 2 è caduto a terra da alcuni metri di altezza.

Proprio i motivi di sicurezza stanno ritardando il completamento dei reattori di Olkiluoto, in Finlandia, e di Flamanville, in Francia: gli unici in corso di realizzazione in Europa occidentale. I lavori, iniziati rispettivamente nel 2005 e nel 2007, sono in ritardo di 12 e di 10 anni sulla tabella di marcia; i costi nel frattempo sono all’incirca triplicati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *